Asilo nido Ibsa – Lugano

L’asilo nido Primi Passi, voluto dalla società farmaceutica IBSA, ha una capacità ricettiva di 30 bambini a partire dai 3 mesi di vita sino agli oltre 36 mesi.
La scuola è stata disegnata con l’obiettivo prioritario di inserire il bambino in un ambiente accogliente, caldo e intimo in cui possa sviluppare e rafforzare un attaccamento sicuro (Bowlby), un’autonomia emotiva e una buona autostima di sé.
Con queste basi ogni altra conquista diventerà un gioco!

Building type: Grande architettura, Asili e Scuole,

Località: Lugano, Svizzera,

Committente: IBSA – Institut Biochimique Sa
Facciata: C.N.S. Spa
Data di costruzione: 2008 – 2009
Prodotto Model System Italia: Frangisole Modelpak 58

A proposito del progetto

Da ufficio ad asilo nido. Ibsa – Institut Biochimique di Lugano ha voluto destinare ai figli dei propri dipendenti un asilo nido privato. Un luogo dedicato ai bimbi e alle loro esigenze disegnato dall’arch. Christophe Direito-Almeida, project manager di Ibsa dal 2001.
L’edificio si apre su un’area verde filtrata da una zona porticata e pavimentata ed è caratterizzato, grazie ad un progetto attento alle esigenze e al benessere dei piccoli fruitori, da un ottimo isolamento termico che consente un perfetto habitat interno a qualsiasi ora del giorno.
Il giardino privato è stato delimitato da cancelli apribili esclusivamente dal personale interno mentre tutti i giochi sono stati ancorati in modo stabile al terreno.
L’asilo nido, che può ospitare circa trenta bambini, si caratterizza per la presenza di grandi vetrate in grado di consentire una ventilazione perfetta e un’illuminazione naturale ai vari ambienti.
Per la progettazione della suddivisione degli spazi e` stato utilizzato il criterio del “percorso del bambino”; l’area d’ingresso, infatti, è strutturata con atrio di attesa seguito da una zona filtro dove i piccoli sono “preparati”, ed eventualmente cambiati, in modo da essere accolti in modo progressivo nel vero e proprio “mondo” predisposto per loro. “Cuore pulsante” del progetto è l’area percettiva e psicomotoria per l’educazione fisica e le aule specificatamente arredate a seconda dell’età dei fruitori.
È stata disegnata una netta separazione tra gli spazi di sonno dei bambini lattanti e di quelli più grandi in modo da poter essere attenti alle diverse esigenze dettate dalla fascia di età. L’area dei lattanti è stata provvista di una stanza dedicata al cambio con specifici lavatoi e fasciatoi.
Tutti gli spazi sono stati resi completamente oscurabili attraverso tendaggi interni oltre che dalle lamelle a pacco presenti su tutte le facciate dell’edificio.